Quadri angolo

Quadri in forma di diedro che creano attorno a loro un altro spazio.Pitture dove ci sono fessure per respirare e tagli per fuggire. Opere che scappano dal bidimensionale che per tradizione conosciamo come “il quadro” e per mezzo della trama e il colore diventano  tridimensionale.

Diversamente ai libri che quando aperti creano un angolo dove s’infila il lettore, queste pitture si piegano su se stesse, si socchiudono formando angolo, abbracciando l’aria e obbligando allo spettatore a girare intorno ad esse.

Queste pitture, come se un racconto fosse, sono composte di parti: l’una e l’altra si mettono in relazione e l’una senza l’altra non si concepisce.

Nel colore c’è il ricordo dei ruderi.

Nel colore c’è la nostalgia del classico.